L’ASTENSIONE E’ UNA DICHIARAZIONE DI VOTO

contrassegno-lista-CITTADIN
La votazione del 26 e 27 maggio ha decretato il ballottaggio tra Valentini, esponente del centrosinistra targato Pd, e Neri, sostenuto dallo schieramento denominato Baricentro Civico, votati al primo turno come candidati a sindaco rispettivamente dal 26.2 % (11.520 voti) e dal 15.5 % (6.809 voti) dei 43.870 cittadini senesi aventi diritto al voto.
La affluenza ai seggi è stata di 30.007 (68.39 %) elettori, a fronte dei 34.466 (80.83 %) di febbraio per le politiche e dei 33.781 (76,64 %) del maggio 2011 quando vinse Ceccuzzi al primo turno, votato da 40.4 % dei 44.074 cittadini aventi diritto.
Il primo dato che emerge dal voto è che gran parte degli elettori senesi non hanno ritenuto appetibile nessuna delle proposte politiche sul tappeto, in particolare quella del Pd, che ha perso in due anni, in termini assoluti, ben 5240 voti.
Il secondo dato è che vanno al ballottaggio due spezzoni del “sistema Siena”: quello diciamo “ufficiale” capeggiato da Valentini e  e quello “ufficioso” capeggiato da Eugenio Neri.
Ci permettiamo di fare questa valutazione perchè l’esame delle liste certifica senza dubbi l’influenza di Ceccuzzi, Alberto Monaci e Brandani nello schieramento di Valentini e l’influenza di Alfredo Monaci, Marignani (e quindi Verdini), Cenni e, con il rientro di Falorni alla casa madre, di Pierluigi Piccini in quello di Eugenio Neri.
Chi conosce la storia di Siena degli ultimi venti anni sa che dei responsabili del disastro di Siena non ne manca nessuno.
La nostra lista Cittadini di Siena, che ha conseguito un risultato soddisfacente soprattutto considerando il difficilissimo contesto in cui ci siamo trovati, è nata in decisa ed inequivocabile opposizione al “sistema Siena” per cui non ci riconosciamo in nessuno degli schieramenti in ballottaggio, ma, analogamente a quanto proposto dalle altre liste di vera opposizione, riteniamo corretta l’astensione che in questo caso riveste un ben preciso segnale politico di rifiuto totale della classe dirigente che ci ha rovinato.
Dal giorno dopo il ballottaggio Cittadini di Siena metterà a disposizione della comunità e quindi anche del nuovo sindaco, chiunque sia, le sue idee, le sue competenze, le sue professionalità perchè l’innovazione, il cambio di passo, la legalità e la trasparenza di cui Siena ha disperato bisogno vengano realizzate.
Contestualmente cercheremo un più stretto raccordo con le forze politiche che nei fatti e non solo a parole si sono dimostrate estranee al sistema, augurandoci che questa volta sia data meno importanza alle appartenenze, per realizzare una alternativa capace di riportare i senesi in massa alle urne alle prossime elezioni che, viste le insanabili contraddizioni all’interno dei due schieramenti in ballottaggio, ci immaginiamo vicine.
Enrico Tucci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...