ENRICO TUCCI SU PRIMA PAGINA DI CHIUSI

SIENA. DOPO LE COMUNALI. INTERVISTA AL DOTT. ENRICO TUCCI

“Non sarà una legislatura noiosa ma piena di colpi di scena” afferma Tucci.

 

SIENA – E’ stato uno dei protagonisti del primo turno delle Comunali con un ottimo risultato che ha sorpreso molti. Il Dott. Enrico Tucci, ex PDL, con la sua lista Cittadini di Siena, sarà uno dei protagonisti del prossimo consiglio comunale. E lo sarà dall’opposizione. Insieme, tra gli altri, alla Vigni di Sinistra per Siena, a Pinassi dei 5 stelle, a Falorni di Impegno per Siena, ed a Neri. Molti hanno pensato che un accordo tra il primo e secondo turno tra Tucci e Neri avrebbe rovesciato le sorti del secondo turno dando più chances di vittoria al cardiochirurgo che ha perso per soli 930 voti. Subito dopo il primo turno l’apparentamento legittimo tra Falorni e Neri stesso, aveva attirato critiche molto forti dello stesso Tucci. Abbiamo fatto qualche domanda al Dott. Tucci.

1) Un commento ai risultati…

Il dato più importante che emerge da queste elezioni è il crollo del Pd che al primo turno ha conseguito 6.483 voti (25,29% su 30.007 votanti), lasciando sul terreno in termini assoluti ben 5.240 voti in due anni. Il Partito con la P maiuscola non esiste più, come è confermato dalla scarsissima capacità di mobilitazione in occasione del ballottaggio: Valentini aveva già fatto il pieno nel primo turno con 11.520 voti, al ballottaggio se ne sono aggiunti solo poco più di 500, una miseria. Il secondo dato, altrettanto significativo, è il grande successo personale di Eugenio Neri che è arrivato ad un soffio dala vittoria nonostante i suoi ingombranti se non impresentabili compagni di viaggio, grazie ad una campagna elettorale aggressiva e ben condotta negli ultimi dieci giorni. Sta ora Neri decidere di voler diventare il leader dell’opposizione, liberandosi dagli interessati consiglieri che cercano di condizionarlo, per rigiocarsi la partita con eccellenti possibilità di vittoria alla prossima occasione che prevedo molto vicina.

2) Facciamo la Politica con i sè… sè avesse dato indicazione di voto per Neri avrebbe vinto…

Con una astensione che ha coinvolto il 45% dell’elettorato ritengo molto azzardato sostenere che un mio endorsement a favore di Neri avrebbe cambiato il risultato finale. Mi sembra più che altro un tentativo di addossare ad altri le responsabilità del proprio insuccesso, dovuto alla incapacità a mobilitare l’elettorato. D’altra parte la lista Cittadini di Siena è nata in contrapposizione frontale al sistema Siena e la nostra equidistanza tra gli schieramenti di Valentini e Neri è stata la naturale conseguenza di questa premessa. Tornando indietro esprimerei comunque questa nostra opinione che non va letta come equidistanza tra i candidati a sindaco, ma come dichiarazione di voto contro la classe dirigente che ha rovinato la Città.

3) Il futuro di Siena e le sue proposte di opposizione con Vigni, Pinassi ecc.

Il futuro di Siena è purtroppo molto incerto e legato alla capacità della amministrazione di disegnare e favorire concretamente un nuovo modello di sviluppo, basato sulla impresa e non più sulla rendita, assicurando nel contempo la “tenuta sociale”. Il presupposto ineludibile di questo cambiamento epocale è una nuova stagione di legalità e trasparenza, penso assolutamente condiviso anche dagli altri movimenti politici che si sono contrapposti al sistema Siena senza ripensamenti. Ancor prima dell’insediamento del consiglio comunale cercheremo una convergenza con Pinassi e Vigni, del resto da me già pubblicamente richiesta ancor prima di conoscere l’esito del ballottaggio, per assumere posizioni comuni su questi ed altri temi che riteniamo strategici per la Città.

4) Dopo mille traversie e polemiche interne al PD…Valentini e ora?

Il Pd, uscito solo in apparenza vittorioso da queste elezioni, è profondamente spaccato tra nostalgici del Ceccuzzi, esponenti che fanno capo ad Alberto Monaci, e sostenitori di Valentini e della sua opera, fino ad ora solo enunciata, di rinnovamento. Già nelle prossime ore, con la nomina degli assessori, capiremo se Valentini tenterà di liberarsi dai pesanti condizionamenti dei vecchi padroni del vapore. Dico tentare, perchè riuscirvi è poi tutto da vedere. E’ poi da capire come si manifesterà il malessere evidente che cova all’interno della lista Siena Cambia ispirata dallo stesso Valentini, nata per rinnovare il centrosinistra, ma che nei fatti ha portato acqua al mulino di Alberto Monaci. Interessanti anche alcune aperture che Valentini, appena insediatosi, ha rivolto verso la minoranza. Di certo non sarà una legislatura noiosa, ma piena di colpi di scena. L’importante sarà fare una opposizione senza sconti e farsi trovare pronti con una proposta politica chiara di alternanza vera qualora il Pd imploda. Entriamo in consiglio comunale per questo.

David Busato

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...