Consiglio del 18 Luglio 2013

 

O.d.g

Ordine del giorno seduta Consiglio Comunale 18 Luglio 2013

Interrogazioni:

1.05_20130712091437

1.04_2013071209140913-07-18

1.03_2013071209134313-07-18

1.02_2013071209114513-07-18

1.01 CC Seduta del 13-07-18

Mozioni:

4.01_20130712091530

Proposte di delibera

5_201307121026195

6_20130712102716

7_20130712105411

8_20130712105459

9_20130712105602

10_20130712105655

11_20130712105918

12_20130712110911

13_20130712111026

14_20130712111129

15_20130712111239

16_20130712111320

17_20130712111403

18_20130712111447

19_20130712111534

20_20130712111637

21_20130712111719

22_20130712111844

Il Commento di Enrico Tucci

L’ultimo consiglio comunale del 18 luglio aveva tra gli “affari” più importanti all’ordine del giorno la presentazione e la approvazione delle “linee programmatiche di mandato” del sindaco Valentini. Si tratta di un adempimento obbligatorio ai sensi del comma 3 dell’art.46 del T.U.E.L., che testualmente recita “Entro il termine fissato dallo statuto, il sindaco o il presidente della provincia, sentita la Giunta, presenta al consiglio le linee programmatiche relative alle azioni e ai progetti da realizzare nel corso del mandato”. A nessuno può sfuggire la rilevanza di un simile atto che pone le basi della azione di governo per tutta la durata del mandato amministrativo, con verifiche annuali di quanto realizzato.
In questa occasione Valentini ha superato se stesso presentando un non-programma, ovvero dieci striminzite paginette di slogan e buoni propositi che prima del consiglio erano state addirittura etichettate solo “Siena Cambia” (a ragione, essendo la fotocopia del programma elettorale dinquella lista), mentre il giorno stesso della seduta consiliare sono state attribuite, come doveroso, a tutto il centrosinistra e come tali messe agli atti. La minoranza si è ovviamente sbizzarrita nel massacrare in discussione questo testo francamente impresentabile,  ma il sindaco non ha fatto una piega.  Data la quasi ventennale esperienza amministrativa di Valentini e la sua indubbia capacità manovriera, non si può pensare a sciatteria o ad una scarsa considerazione del consiglio comunale, anche perché un programma vero e proprio Valentini in realtà lo aveva e lo ha tirato fuori dal cilindro con mossa plateale all’ultimo momento, alle otto di sera, guardandosi bene dal metterlo agli atti, ma distribuendolo come gentile omaggio ai consiglieri. Il non-programma di Valentini è stato approvato senza battere ciglio dalla maggioranza che con questo atto, un mero elenco di buone intenzioni e di sani propositi, ha dato al sindaco, non si sa quanto consapevolmente, una inusitata libertà di azione. Non possiamo che augurarci che ne faccia buon uso. Da parte nostra, come sempre, in piena libertà intellettuale giudicheremo i fatti, dando il nostro contributo per tutto ciò che riterremo utile alla comunità senese.

VERBALE SEDUTA 18 LUGLIO 2013

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...