Il commento di Enrico Tucci al Consiglio Comunale del 18 Luglio 2013

In questo consiglio comunale erano molti gli adempimenti previsti dalla Legge e dallo Statuto del consiglio: presentazione ed approvazione del “programma di mandato” del sindaco e costituzione delle commissioni permanenti, organi consultivi, ma molto importanti perché nelle loro riunioni -pubbliche- le questioni più rilevanti della amministrazione possono essere compiutamente esaminate prima di essere portate in aula consiliare. L’insediamento delle commissioni è sempre molto laborioso perché i posti disponibili (9 di cui 5 alla maggioranza  e 4 alla minoranza) soprattutto per quelle ritenute più importanti (in primis Assetto del territorio) sono inferiori alle richieste, soprattutto dei consiglieri di maggioranza, e la presidenza e vicepresidenza sono cariche -onorifiche- ambite perché danno il potere di convocazione. Anche stavolta è andata così e siamo riusciti ad insediare solo un paio di commissioni di scarso rilievo, come quella “delle elette”, mentre per quelle serie arriveremo probabilmente in porto al prossimo consiglio, previsto per l’8 agosto.
Ci sono state diverse interrogazioni, la più interessante a mio parere quella di Laura Vigni che chiedeva lumi sulla mancata trasmissione televisiva delle sedute del consiglio, sostituita dalla sola diretta streaming visualizzabile sul sito web del Comune. Abbiamo appreso che la scelta, del Commissario, era legata ad una questione di costi, con lo streaming che costa meno della metà della ripresa televisiva (circa 500 euro per seduta contro poco più di mille). Laura Vigni ha giustamente eccepito che una popolazione mediamente anziana come quella senese ha generalmente scarsa dimestichezza con internet e quindi grandi difficoltà a partecipare alla vita democratica della città. L’amministrazione ha assicurato che l’anno prossimo (la attuale convenzione scade il 31 dicembre) si cercherà di venire incontro alle esigenze di tutti.
In questo consiglio, dal punto di vista politico, due sono state le questioni più importanti: la approvazione della variante urbanistica per Le Scotte e la approvazione delle linee programmatiche del mandato.
La variante urbanistica delle Scotte è una questione che si trascina da oltre tre anni ed è importante perché tra varie richieste di costruzioni nuove all’interno del recinto del Policlinico c’è anche la sistemazione dei locali per la ubicazione della PET/TC, importantissima tecnologia di diagnostica per immagini soprattutto in campo oncologico la cui mancanza a Siena è uno scandalo che perdura dal 2005, anno in cui venne effettuata e aggiudicata una gara per la installazione di una PET (la PET/TC era ancora di là da venire) che poi, per motivi che ora è troppo lungo spiegare, non è stata mai acquisita. Gli adempimenti per questa variante erano stati completati nel corso del mandato di Ceccuzzi, ma poi le sue dimissioni fermarono tutto ed il Commissario, nonostante ripetute sollecitazioni anche da parte nostra oltre che da parte del DG delle Scotte, non si è mai deciso a dare il via libera. Su questa variante esistono in realtà giustificate perplessità perché abbiamo avuto l’impressione che, usando il cavallo di Troia della PET/TC, si sia voluto far passare anche altre edificazioni, oltre ad un nuovo parcheggio interrato, probabilmente non strettamente necessarie soprattutto adesso che col ridimensionamento in atto del Policlinico molti spazi potrebbero rendersi disponibili. Di solito queste questioni vengono approfondite in commissione, luogo nel quale i consiglieri hanno la opportunità di discutere con i tecnici, gli uffici e l’assessore, ma stavolta, non essendo le commissioni ancora insediate, questa opportunità è mancata. Alla fine dei giochi, anche grazie all’intervento del Sindaco che ha ricordato come dopo la approvazione ci sarebbero stati sessanta giorni per eventuali osservazioni, anche da parte del Comune stesso, per poi riportare l’atto ad una seconda obbligatoria approvazione, la variante è passata col voto favorevole della maggioranza ( meno Trapassi di Siena Cambia), di Laura Vigni (in nome della PET/TC) e Marzucchi (captatio benevolentiae?). Cortonesi, nella scorsa legislatura assessore responsabile del procedimento, non ha correttamente partecipato al voto ed io mi sono astenuto (d’accordo ovviamente per la PET/TC, ma critico su tutto il resto perché non abbastanza chiaro).
Il secondo punto che voglio commentare è invece un atto squisitamente politico, di grande rilevanza, ovvero la “Presentazione al consiglio delle linee programmatiche relative alle azioni e ai progetti da realizzare nel corso del mandato, anni 2013-2018.”
Come è evidente si tratta di un atto di grande rilevanza politica che ho già commentato “a caldo” sia sul blog che sui quotidiani online.
Una efficace sintesi della questione è stata fatta anche da Sunto.biz
http://www.sunto.biz/2013/07/23/lincredibile_programma_quinquenn.htm
Comunque i fatti sono questi: prima del consiglio abbiamo ricevuto in allegato alla proposta di delibera il programma di mandato (https://cittadinidisiena.files.wordpress.com/2013/07/5_201307121026195.pdf) ed in realtà si trattava della fotocopia del programma, se così si possono chiamare dieci paginette di buoni propositi precedute ognuna da un titolo altisonante, depositato all’Albo Pretorio al momento della presentazione della lista Siena Cambia.
Il giorno del consiglio comunale ci è stato consegnato, come nuovo allegato alla proposta di delibera, lo stesso identico programma in fotocopia, ma stavolta etichettato come “idee guida del centrosinistra”.
Come ho già scritto si è voluto banalizzare un atto di fondamentale importanza, sancito dalla Legge. Se esistesse il reato di “vilipendio del consiglio comunale” credo che ne ricorrerebbero abbondantemente gli estremi.
Riporto comunque, per quanto ricostruibile dagli appunti, il testo del mio intervento in occasione della dichiarazione di voto.
“Cari Colleghi, non ho preso la parola nella discussione perché onestamente non avrei saputo di cosa discutere: il nulla non si discute, od almeno si tratta di un compito al di sopra delle mie modeste capacità oratorie. Non ho preso la parola perché, data l’ora tarda e la stanchezza, avrei rischiato di trascendere, avrei rischiato il vilipendio di questa nostra Istituzione alla quale invece tengo molto. Caro Sindaco, quando l’altro giorno ho letto il materiale allegato alla delibera, cinque foglietti contrassegnati “Siena Cambia”, pieni di niente, pensavo di trovarmi su “Scherzi a parte”. Ora che ho preso visione degli stessi cinque foglietti stavolta denominati “idee guida del centrosinistra” mi sono definitivamente convinto che Lei ama la burla. Prima di ricevere il materiale, nei giorni precedenti mi ero mentalmente preparato ad un intervento corposo, polemico come è nella mia natura, ma nel contempo propositivo, basato sulle franche discussioni che con Lei e gli altri candidati a Sindaco abbiamo avuto in campagna elettorale. Dopo le sue dichiarazioni, accattivanti quanto evanescenti, e dopo il suo impegno ad ampliare ed integrare questo programma entro il 30 settembre, posso solo dirle che, per quanto mi riguarda, Lei è rimandato a settembre! Per ora le voto contro, anche se perplesso perché mi suona strano votare contro un elenco di buone intenzioni. Spero che Lei a settembre mi offra l’occasione di votare contro delle idee, dei progetti, e magari qualche atto concreto.”
La votazione: la maggioranza ha votato compattamente a favore, la minoranza ha votato compattamente contro e Marzucchi, coerentemente, si è astenuto perché non vuole fare torto a nessuno.
Alle 20.35, stanchi ma felici (?), siamo usciti.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...